I progetti dell'associazione diabetici di reggio emilia - Associazione Diabetici della Provincia di Reggio Emilia

Vai ai contenuti

Menu principale:

Progetto S.O.S Diabete
chiama il 331 1927071


Hai bisogno di aiuto? sei in difficoltà?
proprio di domenica doveva capitare!

Se sei in difficoltà nella gestione delle tue glicemie chiama l'S.O.S Diabete, un diabetologo ti aiuterà. (Emergenza)

S.O.S Diabete è una linea telefonica ( Tel 331/1927071) che copre la fascia oraria che va dalle 14.00 del sabato alle ore 07.00 del lunedì mattina e tutti i giorni festivi infrasettimanali. La linea telefonica S.O.S Diabete è dedicata a tutti i diabetici e ai loro famigliari e permette, nei momenti di difficoltà di gestione della malattia (EMERGENZA), di risolvere il tutto ( in molti casi ) con la semplice telefonata al diabetologo. Il progetto partito nel 2010 grazie a un contributo della Fondazione Pietro Manodori viene portato avanti grazie alla collaborazione con i medici diabetologi del distretto di Reggio Emilia e del distretto di Montecchio Emilia che in forma del tutto volontaria prestano questo servizio aggiuntivo.

Progetto Podologo

Perché é importante prendersi
cura del piede?

Una delle complicanze secondarie alla malattia diabetica è “il Piede Diabetico”. Si parla di piede diabetico quando neuropatia e arteriopatia degli arti inferiori compromettono la funzione o la struttura del piede: esistono due quadri clinici di tipo Neuropatico ed Ischemico, ma più spesso misti, che sono profondamente diversi tra loro, e richiedono un inquadramento diagnostico corretto per predisporre soluzioni terapeutiche adeguate per prevenire lesioni ulcerative più o meno gravi, che si possono infettare e richiedere l’amputazione delle dita o di parti più ampie del piede. L’identificazione dei fattori di rischio del piede diabetico mediante lo screening, permette di inquadrare in modo semplice, rapido e poco costoso i nostri piedi.
Dal 1° ottobre 2013 presso l’Ambulatorio di Diabetologia della AUSL RE e dell’Ospedale di Montecchio, un PODOLOGO (il martedì pomeriggio 5 ore presso la Diabetologia di Via Monte San Michele, ed il venerdì mattina in Diabetologia a Montecchio 3 ore) supporta l’attività dell’ambulatorio del Piede Diabetico facendo prevenzione e diagnosi precoce mediante lo Screening dei piedi a rischio: le attività che svolge sono di screening, educazione e diagnosi precoce, ma anche cura e medicazione delle lesioni e, in collaborazione con le infermiere del servizio, educazione di gruppo per rendere più autonome e consapevoli le persone che vivono con il Diabete. L’accesso a tale servizio avviene tramite richiesta da parte del Diabetologo e in seguito a una consulenza infermieristica dedicata. Tutto questo è possibile grazie al sostegno economico degli iscritti all'associazione, le donazioni e la collaborazione con l'azienda USL di Reggio Emilia.

Progetto Psicologo

L’insorgenza di una malattia cronica è un evento che altera e rompe precedenti equilibri organici, psicologici e sociali: ciò determina una sensazione di progressiva perdita di salute ed integrità che può indurre nella persona l’idea di diversità e solitudine.
Questo perché la malattia cronica, ed in particolare il diabete mellito, non può essere guarita ma si può curare; è silenziosa e progressiva e può dipendere dallo stile di vita. Per il suo trattamento, è necessario un tempo dedicato, per tutta la vita, e questo trattamento può essere complesso e invasivo ed interferire con la vita sociale. Come tutte le patologie croniche, il diabete ha, pertanto, un forte impatto sulla psiche: esistono numerosi dati in letteratura che indicano una stretta correlazione fra malattia diabetica e condizioni psicologiche, che a loro volta influenzano la gestione della malattia impedendo spesso al paziente di seguire in maniera corretta il trattamento prescritto. Il lato psicologico del diabete è, pertanto, un elemento centrale nel successo della terapia. Esistono dati che mostrano come il compenso glicemico sia tanto peggiore quanto maggiori sono le difficoltà psicologiche e sociali del paziente. “Curare” il diabete mellito significa modificare le proprie abitudini, impostando uno stile di vita sano, riflettere su quello che si fa, affrontare le situazioni con occhi nuovi, spirito critico e flessibilità. Quando c’è un disagio psicologico, la flessibilità e l’apertura sono le prime cose che vengono a mancare. Per il benessere della persona che vive con diabete e il successo terapeutico sono necessari interventi di diverso tipo:  Interventi educativi tradizionali: migliorano la conoscenza; l’educazione terapeutica è fondamentale per conoscere le caratteristiche della condizione diabetica ed affrontarla con consapevolezza. Interventi educativi sulla specificità biopsicosociale: l’acquisizione di nuove abitudini e l’autocontrollo richiedono flessibilità e motivazione.
Proprio per questo motivo l’Associazione Diabetici della Provincia di Reggio Emilia con il supporto economico della Fondazione Pietro Manodori a partire da Settembre 2014 sostiene  il “PROGETTO PSICOLOGO” che permette ai  team delle Diabetologie della AUSL di Reggio Emilia e Montecchio Emilia di essere affiancati   nel proprio lavoro dalla nuova figura professionale.


 
Associazione Diabetici della Provincia di Reggio Emilia C.F. 91009000356
Torna ai contenuti | Torna al menu